Come la vediamo

 

“Gli aborigeni si muovevano sulla terra con passo leggero; meno prendevano dalla terra, meno dovevano restituirle”

Bruce Chatwin, Le vie dei canti.
 

Alla base di tutto il “lasciar fare” alle api, da cui il nome dell’azienda, per il quale è stata utilizzata l’espressione scherzosa Fate Vobis, che in un latino sgrammaticato invita a fare di testa propria. Il Bis finale è stato per assonanza scritto in inglese utilizzando la parola Bees, ovvero api.

Questo è Fatevobees, un’idea di cibo che “ci nutre” e non “ci consuma”, come scrive Andrea Segrè in Mangia come sai, dove “oggi tutto è green, verde, come se bastasse l’associazione a un colore per certificare la bontà di un prodotto.

03_Fatevobees-vision-come-la-vediamo-famiglia-miele-in-favo-apicoltori

Invece abbiamo [...] bisogno di autenticità, di fiducia, insomma, di saper fare e riconoscere un cibo vero”.

Ci impegniamo per la salvaguardia dell’ape italiana, ovvero l’ape ligustica, una sottospecie autoctona ed endemica dell’ape mellifera, senza interventi di selezione o incroci genetici, per far sì che continui ad esistere quel patrimonio naturale chiamato Biodiversità.

Fatevobees-vision-come-la-vediamo-famiglia-miele-in-favo-apicoltori